Background
< Indietro

CAPODANNO A LECCE

tra Barocco e Taranta
€ 685
Dal 29/12/2018 al 01/01/2019

1° giorno - LECCE
Incontro dei partecipanti nel primo pomeriggio alla stazione di Brindisi e trasferimento in bus privato presso l’Abbazia di Santa Maria di Cerrate. Testimonianza del romanico pugliese fu costruita su ordine del conte Tancredi d'Altavilla nel XII secolo. Arrivo a Lecce nel pomeriggio, check-in e sistemazione in hotel. Cena di benvenuto e pernottamento.

2° giorno - LECCE
Prima colazione in hotel. Lecce, “la Firenze del Sud”, sorprende i suoi ammiratori grazie alla sua architettura del XVII secolo. La giornata sarà dedicata alla scoperta e contemplazione degli incanti leccesi.La visita inizierà in Piazza del Duomo, l’elegante "salone" della città, reso maestoso e raffinato dalla circostante scenografia architettonica. Tempo per il pranzo libero. Nel pomeriggio, proseguimento verso Piazza Sant'Oronzo, fulcro palpitante della città, simbolo della sua storia millenaria, nella quale convivono in armonia testimonianze architettoniche di epoche differenti. L’Anfiteatro Romano, cuore antico della città, e l’ampia cavea di fronte alla Chiesa barocca di Santa Maria della Grazie, oggi ospitano suggestivi eventi e spettacoli all’aperto. Il baricentro della piazza è il cinquecentesco Palazzo del Seggio, antica sede del rappresentante del Re e di numerose altre istituzioni. Alla sua sinistra vi è la Chiesa di San Marco, memoria dei rapporti secolari con la Serenissima: in passato, i legami tra le due realtà erano alquanto stretti, a tal punto che in alcune chiese leccesi sono conservate alcune opere di culto venete. La colonna di Sant'Oronzo, un tempo collocata sull'area dell'Anfiteatro, fu eretta alla metà del Seicento come opera di ringraziamento al Santo per aver posto termine all’epidemia di peste. La giornata si concluderà con la visita della Basilica di Santa Croce, un sontuoso carnevale di pietra, simbolo del barocco leccese. Il trionfo di decorazioni lascia lo spettatore senza fiato e, all’apice di questa esplosione di bassorilievi e sculture in pietra leccese, emerge il grande rosone, decorato con fregi floreali, grappoli di frutta e cherubini. Cena libera e pernottamento.

3° giorno - CAVALLINO/GALATINA/OTRANTO
Prima colazione in hotel. Trasferimento in bus a Cavallino per la visita all’esclusivo laboratorio di un noto scultore leccese, che mostrerà le tecniche di lavorazione utilizzate per animare i blocchi di pietra. Si prosegue verso Galatina, cittadina a sud di Lecce, in grado di svelare uno splendore artistico iniziato nel XIV secolo ad opera degli Orsini del Balzo. Da qui, portici e palazzi settecenteschi abbelliti da imponenti portali e balconi brulicano fino a placarsi davanti alla maestosa Basilica di Santa Caterina d’Alessandria, scrigno d’arte e custode di maestosi affreschi e di stili architettonici più vari. Partenza in bus privato per Otranto e pranzo libero. Il pomeriggio è dedicato alla scoperta di Otranto, ponte naturale tra il Mediterraneo e l’Oriente. Si accede al borgo antico, riconosciuto dall’Unesco patrimonio culturale in quanto “Sito messaggero di pace”, attraversando Porta Alfonsina. Qui sorgono il Castello Aragonese, roccaforte difensiva della città, e la meravigliosa Cattedrale dedicata a Santa Maria Annunziata. Rientro in hotel a Lecce per il Cenone di Capodanno.

4° giorno - ALTAMURA/LECCE/RIENTRO
Prima colazione in hotel e check-out. Partenza per Altamura, città medioevale costruita durante il Sacro Romano Impero e famosa per il suo pane DOP. Visita guidata del centro storico, ricco di bellezze architettoniche, fra cui una successione di palazzi nobiliari e la Cattedrale medievale, l’unica edificata da Federico II di Svevia. A seguire, visita esclusiva del Centro Visite Speleologiche “Uomo di Altamura”, per conoscere la storia della scoperta dell’unico scheletro fossile completo di uomo preistorico nella grotta di Lamalunga. La visita della città terminerà presso un laboratorio di «orecchiette», per assistere alla preparazione della tipica pasta pugliese da parte di esperte massaie locali e degustazione. All’ora prevista trasferimento a Bari e rientro nei luoghi d’origine.